english splash page

Da Cosenza a Houston: l’ITIS di Fuscaldo approda alla NASA

News / Ricercatori

Un team di docenti e alunni dell’ITIS di Fuscaldo (CS) è stato ospitato presso la base dell’agenzia spaziale americana in Houston (Texas) per partecipare alla campagna di voli parabolici nell’ambito delle attività di sperimentazione previste dal progetto SINPOMIC (SINterizzazione delle POlveri in condizioni di MICro gravità).
Presso la base NASA di Ellington Field di Houston in Texas, scenario delle campagne di volo parabolico organizzate nell’ambito del Flight Opportunities Program della NASA, sono infatti in corso le operazioni preliminari per la sperimentazione del progetto SINPOMIC. La base NASA ospita fino al 19 di dicembre un team di docenti e studenti dell’Istituto tecnico industriale Enrico Fermi di Fuscaldo (Cs) per confermare la validità del programma di ricerca portato avanti dai docenti dell’istituto.
Il progetto SINPOMIC si prefigge di dimostrare la possibilità concreta di produrre materiali in assenza di gravità attraverso l’utilizzo delle polveri presenti sui pianeti (come ad esempio la polvere lunare).
Già nel 2012 l’Istituto ha raggiunto il primato di essere stato la prima scuola al mondo non americana a prendere parte al programma FPO. A distanza di pochi anni la NASA riconferma il forte interesse per l’innovativa tecnologia utilizzata per la produzione di nuovi materiali (cosiddette mattonelle lunari o spaziali).
Il team ha, infatti, in programma l’esecuzione di quattro voli in condizioni di gravità lunare e di microgravità per sperimentare la funzionalità di una macchina in versione prototipale e rivisitata sulla base dell’esperienza già effettuata nel 2012, progettata dal team, il cui scopo è di  realizzare la fase di microfusione del processo di sinterizzazione delle polveri.
L’opportunità concessa dalla NASA rappresenta la conferma della validità scientifica del progetto SINPOMIC anche in relazione alla possibilità concreta di utilizzare i risultati ottenuti sia per applicazioni spaziali (si pensi ad esempio alla possibilità di produrre materiali direttamente all’interno della stazione spaziale orbitante) sia per applicazioni terrestri (in ambito biomedico si pensi alla possibilità di realizzare protesi, valvole cardiache, ecc. caratterizzate da un periodo di vita molto superiore ai materiali attualmente utilizzati).
Gli studenti Giuseppe Lucia, Antonio Pace, Cristina Lannia e Matteo Greco avranno l’opportunità di vivere  questa straordinaria esperienza formativa insieme ai docenti che hanno progettato e realizzato la facility per svolgere la sperimentazione: Alfonso Caglianone, Carmelo Mandarino, Francesco Rende e Gianfranco Panza (che oggi svolge la sua attività di docente presso l’ITIS “A. Monaco” e l’IPSIA “G. Marconi” di Cosenza).

Scopri di più sul progetto SINPOMIC

Guarda il video delle prove di volo