english splash page

Al distretto MATELIOS si parla di Europa e green technologies

APRE / Eventi / Imprenditori / Inventori / Istituzioni / News / Ricercatori / Startupper

Il prossimo 24 marzo MATELIOS, il Distretto Tecnologico sui Materiali Avanzati per le Energie Rinnovabili, organizza un seminario dedicato a imprese e istituzioni per illustrare le strategie e gli obiettivi delle attività di ricerca nell’ambito delle green technologies.

L’obiettivo di MATELIOS è realizzare un sistema di ricerca, formazione e innovazione tecnologica nel quale si integrino lo sviluppo delle conoscenze e la crescita di know-how da applicare ai prodotti e ai processi industriali. Le iniziative del Distretto Tecnologico sono coerenti con l’obiettivo generale della crescita del territorio e si concentrano su obiettivi generali: raggiungere l’eccellenza internazionale nella ricerca diventando leader nell’ingegneria dei materiali avanzati e nella loro applicazione industriale; promuovere nuova imprenditorialità tecnologica creando nuove imprese high-tech in grado di alimentare lo sviluppo tecnologico della regione.

L’incontro, che si terrà presso il Centro Sviluppo Materiali (CSM) di Lamezia Terme, a partire dalle 9.30, vedrà la partecipazione di: Ernesto Carbone, responsabile del settore Innovazione della segreteria nazionale del PD; Paolo Praticò, Dirigente Generale del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria; Giacobbe Braccio, responsabile dell’Unità tecnica Trisaia ENEA; Riccardo Amoroso, responsabile di Innovation ENEL Green Power; Marco Falzetti Direttore di APRE, l’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea; Riccardo Barberi vicepresidente del Distretto Matelios.

Alla tavola rotonda dal titolo Integrazione e sviluppo della competitività del territorio parteciperanno invece: Fabio Filianoti e Claudio De Capua dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria; Giuseppe Scarascia dell’Università di Viterbo; Giandomenico Spezzano dell’ICAR-CNR; Rocco Mammoliti del CISO Poste Italiane. A moderare gli interventi, l’ingegnere Giulia Fresca.

Per saperne di più vai qui.